La Carsenza

Curiosità di un non milanese: Il rito del ciocco

Posto che vai, usanza che trovi …. Questa, a dire il vero, sembra sia un’usanza molto carina, ma, che io sappia. ‘dimenticata’ dai milanesi di oggi.

E’ una di quelle vecchie tradizioni che si perdono nei secoli e che oggi, dopo un lungo periodo di oscurantismo, dovuto sicuramente agli eventi bellici, potrebbe tornare di moda. Si tratta della ‘carsenza’, dolce che. in tanti anni che sono a Milano, non ho mai sentito nominare e che, tradizione vuole, venga servito a Capodanno. E’ molto semplice, fatto con ingredienti poveri, tipico della tradizione contadina lombarda.

Ma in cosa consiste questo ‘rito del ciocco’? Per propiziare meglio l’inizio del nuovo anno, era infatti abitudine del capofamiglia, mettere come regalo, all’interno dell’impasto di questa torta di pane soffice, una monera d’oro o d’argento. La ‘Dea bendata’ avrebbe baciato il fortunato a cui sarebbe capitata la fetta ‘pregiata’! Davvero carina l’idea della sorpresa!

La ricetta della Carsenza

Un dolce assolutamente povero creato dalla fantasia di chi, desiderando comunque festeggiare la festività, mette insieme quello che ha in casa, cercando di non sprecare assolutamente nulla.  Una tipicità tutta milanese, tramandata da secoli, ricetta che, migliorando il tenore di vita del popolo,  ha subito una naturale evoluzione.

Organizza una visita in luoghi esclusivi

Si tratta sostanzialmente di una sorta di focaccia di pasta lievitata. Poiché, giustamente non bisognava buttar via nulla, lo scarto della pasta usata per fare il pane, veniva lavorato nuovamente con farina, acqua, mele e uva.

Le mele, ad esempio, sempre per evitare gli sprechi, venivano selezionate con oculatezza … venivano scelte le mele cadute per prime dagli alberi … quelle bacate, rovinate dalla grandine o ammaccate, cose che noi oggi butteremmo via, perché non perfettamente sane, lucide e tonde. Analogo discorso per l’uva, niente primizie  … ma certamente uva di stagione, al limite un po’ invecchiata in cantina … dato che a fine dicembre, il raccolto dell’uva è già finito!

Indubbiamente questa versione base della ‘carsenza’ è sicuramente meno gustosa di quella più ricca che, qualche vostra nonna, vi avrà fatto gustare, quando eravate bambini. Ma si tratta unicamente dell’aggiunta di un pò di burro, fichi e uvetta. Chi l’ha provata, dice che è ottima.

Ingrediente per la Carsenza

Per chi volesse provare a farla, qui di seguito, una delle ricette che ho trovato su internet:

  • 450 gr farina 00
  • 100 gr zucchero di canna
  • 1,5 bicchieri d’acqua
  • 80 gr di burro fuso
  • 1 cubetto di lievito di birra (25 gr)
  • 3 mele grandi
  • mezza confezione di uvetta
  • 1 confezione di fichi (c.a 20)
  • zucchero semolato qb
  • burro a fiocchi

Come si prepara

  • Fare sciogliere il lievito in mezzo bicchiere d’acqua
  • Sciogliere il burro nel microonde.
  • Impastare farina, , acqua, lievito e burro nella planetaria per 5 minuti.
  • Unire all’impasto, le mele tagliate a pezzettoni senza sbucciarle ma togliendo solo il torsolo, uvetta e fichi tagliati a metà,  cercando di amalgamare il tutto con molta pazienza!
  • Mettere l’impasto in una teglia (diam. 26) foderata con carta forno
  • Lasciare lievitare coperto da un canovaccio per almeno 4 ore
  • Infornare a 200C per 45min. dopo aver spolverato con zucchero semolato e qualche fiocchetto di burro.
  • Coprire con della stagnola se, durante la cottura, diventa troppo colorita.
  • Sfornata, spolverizzare con zucchero a velo e servire tiepida o fredda.

Buon appetito!


Divina Milano Tutti i diritti riservati 2020 - Powered by Sofonisba - Privacy Policy - Cookie Policy